Studio Legale
Rossignoli e Associati

Testo del decreto-legge 29 maggio 2018 , n. 55 (in Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 123 del 29 maggio 2018), coordinato con la legge di conversione 24 luglio 2018, n. 89 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pagina 1), recante: «Ulteriori misure urgenti a favore delle popolazioni dei territori della Regione Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria, interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016.».

 

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 29 maggio 2018, n. 55 

 

Testo del decreto-legge 29 maggio 2018 , n. 55 (in Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 123 del 29  maggio  2018),  coordinato  con  la legge di conversione 24 luglio 2018, n. 89 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pagina 1), recante: «Ulteriori misure urgenti a favore delle popolazioni dei territori della Regione Abruzzo, Lazio,  Marche ed Umbria, interessati dagli eventi sismici verificatisi a  far  data dal 24 agosto 2016.».

 

 

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24 luglio 2018)

 

Art. 01

Proroga dello stato di emergenza

1. All’art. 1 del decreto-legge 17 ottobre 2016,   n.   189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, dopo il comma 4 e’ inserito il seguente:

“4-bis. Lo stato di emergenza prorogato con deliberazione del Consiglio dei ministri del 22 febbraio 2018, ai sensi e per gli effetti dell’art. 16-sexies, comma 2, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123, e’ prorogato fino al 31 dicembre 2018 e ai relativi oneri si provvede, nel limite complessivo di euro 300 milioni, mediante utilizzo delle risorse disponibili sulla   contabilita’ speciale di cui all’art. 4, comma 3, del presente decreto, intestata al Commissario straordinario, che a tal fine sono trasferite sul conto corrente di tesoreria centrale n. 22330, intestato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, per essere assegnate al Dipartimento della protezione civile. In deroga alle previsioni di cui all’art. 24, comma 3, del codice della protezione civile, di cui al decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, lo stato di emergenza di cui al presente comma puo’ essere prorogato con deliberazione del Consiglio dei ministri per un periodo complessivo di ulteriori dodici mesi”.  

Art. 02

Disposizioni in materia di creazione di aree   attrezzate   per

proprietari di seconde case

1. Nel capo I-bis del titolo I del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, dopo l’art. 4-bis e’ aggiunto il seguente:

“Art. 4-ter (Aree attrezzate per finalita’ turistiche). – 1. Ai soggetti di cui all’art. 6, comma 2, lettera c), possono essere messe a disposizione, a cura delle Regioni interessate, su richiesta dei singoli Comuni, aree attrezzate per finalita’ turistiche per il collocamento di roulotte,   camper   o   altre   unita’   abitative immediatamente amovibili, nelle more   del   completamento   degli interventi di ricostruzione sugli immobili originari.

2. Le aree di cui al comma 1 sono inserite nel piano comunale di emergenza ed individuate quali aree di emergenza, ai sensi dell’art. 12 del codice di cui al decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1.

3. Agli oneri derivanti dall’attuazione del comma 1, nel limite massimo di euro 10.000.000 per l’anno 2018, si provvede a valere sulle risorse disponibili sulla contabilita’ speciale di cui all’art. 4, comma 3. Con ordinanza adottata ai sensi dell’art. 2, comma 2, sono determinati i criteri per la ripartizione delle risorse di cui al periodo precedente, nonche’ le modalita’ e le procedure per l’individuazione e la fruizione delle aree di cui al comma 1″.  

Art. 03

Disposizioni in materia di concessione

dei finanziamenti agevolati per la ricostruzione privata

1. All’art. 6, comma 1, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:

   a) alla lettera a), le parole:  “ai fini dell’adeguamento igienico-sanitario ed energetico” sono sostituite dalle seguenti: “ai fini dell’adeguamento igienico-sanitario, antincendio ed energetico, nonche’ dell’eliminazione delle barriere architettoniche”;  

   b) alla lettera c), le parole: “compreso l’adeguamento igienico-sanitario” sono sostituite   dalle   seguenti:   “compresi l’adeguamento igienico-sanitario, energetico ed antincendio, nonche’ l’eliminazione delle barriere architettoniche”.  

Art. 04

Indennita’ di occupazione di suolo pubblico

1. All’art. 6 del decreto-legge 17 ottobre 2016,   n.   189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, dopo il comma 8 e’ inserito il seguente:

“8-bis. Le spese sostenute per tributi o canoni di qualsiasi tipo, dovuti per l’occupazione di suolo pubblico determinata dagli interventi di ricostruzione, sono inserite nel quadro economico relativo alla richiesta di contributo”.  

Art. 05

Disposizioni in materia di interventi di immediata esecuzione e

differimento di termini

1. All’art. 8 del decreto-legge 17 ottobre 2016,   n.   189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:

   a) dopo il comma 1 e’ inserito il seguente:

     “1-bis. I progetti di cui al comma 1 possono riguardare singole unita’ immobiliari. In tal caso, il professionista incaricato della   progettazione   assevera   la   rispondenza   dell’intervento all’obiettivo di cui al comma 1 del presente articolo”;  

   b) al comma 4:

     1) al primo periodo, le parole: “30 aprile 2018”   sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2018”;  

     2) al secondo periodo, le parole: “per una sola volta e comunque non oltre il 31 luglio 2018” sono sostituite dalle seguenti:

“comunque non oltre il 31 luglio 2019”;  

     3) dopo il secondo periodo e’ inserito il seguente: “Per gli edifici siti nelle aree perimetrate ai sensi dell’art. 5, comma 1, lettera   e),   qualora   l’intervento   non   sia   immediatamente autorizzabile, la documentazione richiesta va depositata   entro centocinquanta giorni dalla data di approvazione degli strumenti urbanistici attuativi di cui all’art. 11 o dalla data di approvazione della deperimetrazione con deliberazione della Giunta regionale”.  

2. Il termine di cui all’art. 2-bis, comma 5, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2017, n. 172, e’ differito al 31 dicembre 2018. Il termine del 30 giugno 2018, di cui all’ordinanza 24 aprile 2018, n. 55, e’ conseguentemente prorogato fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e fino alla predetta data non si applica quanto previsto dall’art. 9, comma 2, dell’ordinanza medesima.

Art. 06

Revisione della soglia di obbligatorieta’ SOA ai sensi dell’art. 84

del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50

1. All’art. 8, comma 5, lettera c), del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, le parole: “per lavori di importo superiore ai 150.000 euro” sono sostituite dalle seguenti:  “per lavori di importo superiore a 258.000 euro”.  

Art. 07

Interventi eseguiti per immediate esigenze abitative

1. L’art. 8-bis del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, e’ sostituito dal seguente:

 “Art. 8-bis (Interventi eseguiti per   immediate   esigenze abitative). – 1. Fatte salve le norme di settore in   materia antisismica e di tutela dal rischio idrogeologico, sono sottoposti alla disciplina di cui all’art. 6, comma 1, lettera e-bis), del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, le opere o i manufatti o le strutture realizzati o acquistati autonomamente dai proprietari, o loro parenti entro il terzo grado, usufruttuari o titolari di diritti reali di godimento su immobili distrutti o gravemente danneggiati dagli eventi sismici di cui all’art. 1 e dichiarati inagibili, in luogo di soluzioni abitative di emergenza consegnate dalla protezione civile, nel periodo compreso tra il 24 agosto 2016 e la data di entrata in vigore della presente disposizione. La disposizione di cui al primo periodo si applica a condizione che le predette opere o manufatti o strutture consistano nell’installazione, in area di proprieta’ privata, di opere, di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulotte, camper, case mobili, che siano utilizzati come abitazioni, che siano amovibili e   diretti   a soddisfare esigenze contingenti e meramente temporanee, anche se non preceduti dalla comunicazione di avvio lavori prevista dal medesimo art. 6, comma 1, lettera e-bis), e siano realizzati in sostituzione, temporanea o parziale, di un immobile di proprieta’ o in usufrutto o in possesso a titolo di altro diritto reale o di godimento, destinato ad abitazione principale e dichiarato inagibile. Entro novanta giorni dall’emanazione dell’ordinanza di agibilita’ dell’immobile distrutto o danneggiato, i soggetti di cui al primo periodo provvedono alla demolizione o rimozione delle opere o manufatti o strutture di cui al presente articolo e al ripristino dello stato dei luoghi, ad eccezione dei casi in cui, in base ad accertamenti eseguiti da uffici comunali, siano state rispettate le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali vigenti alla data di entrata in vigore della presente disposizione e le disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42; sono fatti salvi il rispetto della cubatura massima edificabile nell’area di proprieta’ privata, come stabilita dagli strumenti urbanistici vigenti, anche attraverso   la   successiva demolizione parziale o totale dell’edificio esistente dichiarato inagibile, e la corresponsione dei contributi di cui all’art. 16 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380.  

2. Fermo restando l’obbligo di demolizione o rimozione della struttura prefabbricata o amovibile e di ripristino dello stato dei luoghi di cui al comma 1, limitatamente al periodo di emergenza e comunque fino al novantesimo giorno dall’emanazione dell’ordinanza di agibilita’ dell’edificio distrutto o danneggiato, non si applicano le sanzioni di cui all’art. 181 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.

3. Le ordinanze di demolizione e restituzione in pristino e le misure di sequestro preventivo emanate fino alla data di entrata in vigore della presente disposizione, per i lavori e le opere che rispettino le condizioni di cui al comma 1, sono inefficaci.

4. In caso di inadempimento delle attivita’ di demolizione previste dal presente articolo, alle medesime provvede il comune nel cui territorio e’ stato realizzato l’intervento, a spese del responsabile della realizzazione delle opere o dei manufatti o delle strutture.

5. Al fine di garantire l’attuazione degli obblighi di demolizione di cui al comma 4, la domanda di contributo deve essere corredata, a pena di inammissibilita’, di apposita garanzia sotto forma di cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato, al valore di borsa, ovvero di fideiussione rilasciata da imprese bancarie o assicurative che rispondano ai requisiti di solvibilita’ previsti dalle leggi che ne disciplinano le rispettive attivita’ o rilasciata dagli intermediari finanziari iscritti all’albo di cui all’art. 106 del testo unico di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, che svolgono in via esclusiva o prevalente attivita’ di rilascio di garanzie e che sono sottoposti a revisione contabile da parte di una societa’ di revisione iscritta all’albo previsto dall’art. 161 del testo unico di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e che abbiano i requisiti minimi di solvibilita’ richiesti dalla vigente normativa bancaria e assicurativa. I soggetti che, alla data di entrata in vigore del decreto-legge 29 maggio 2018, n. 55, abbiano gia’ presentato la domanda di contributo sono tenuti a consegnare l’integrazione documentale di cui al presente comma entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della relativa legge di conversione.

6. La garanzia di cui al comma 5 deve essere di   importo corrispondente al costo della demolizione dei lavori e opere e del ripristino dei luoghi ai sensi del comma 1, preventivato dal professionista incaricato del progetto di ricostruzione o riparazione dell’immobile danneggiato ed indicato in apposita perizia asseverata, rilasciata in favore del comune nel cui territorio l’intervento e’ stato eseguito, e deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957, secondo comma, del codice civile, nonche’ l’operativita’ della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta del Comune”.

Art. 08

Disposizioni in materia di ruderi e collabenti

1. All’art. 10 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n.   189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1, le parole: “e non allacciati alle reti di pubblici servizi” sono soppresse;

b) dopo il comma 3 e’ aggiunto il seguente:

     “3-bis. Le disposizioni di cui ai commi precedenti non si applicano agli immobili formalmente dichiarati di interesse culturale ai sensi della parte seconda del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42”.  

Art. 09

Semplificazioni in materia

di strumenti urbanistici attuativi

1. Al comma 2 dell’art. 11 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, dopo il primo periodo e’ inserito il seguente:  “Gli stessi strumenti urbanistici attuativi sono esclusi dalla   valutazione ambientale strategica (VAS) e dalla verifica di assoggettabilita’ alla VAS qualora non prevedano contemporaneamente: a) aumento della popolazione insediabile, calcolata attribuendo a ogni abitante da insediare centoventi metri cubi di volume edificabile, rispetto a quella residente in base ai dati del censimento generale della popolazione effettuato dall’ISTAT nel 2011; b) aumento delle aree urbanizzate rispetto a quelle esistenti prima degli eventi sismici iniziati il 24 agosto 2016; c) opere o interventi soggetti a procedure di valutazione di impatto ambientale (VIA) o a valutazione d’incidenza”.  

Art. 010

Semplificazioni amministrative

1. Al comma 2 dell’art. 12 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, le parole: “svolta dall’ufficio speciale per la ricostruzione,” sono soppresse.

Art. 011

Soggetti attuatori

1. All’art. 15 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n.   189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1, lettera e), dopo le parole: “le Diocesi” sono inserite le seguenti: “e i Comuni”;  

b) dopo il comma 1 e’ inserito il seguente:

     “1-bis. Per lo svolgimento degli interventi di cui al comma 1 i comuni possono avvalersi in qualita’ di responsabile unico del procedimento dei dipendenti assunti ai sensi dell’art. 50-bis”;  

   c) al comma 3, dopo le parole: “decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50,” sono inserite le seguenti: “o per quali non si siano proposte le Diocesi”   e dopo le parole: “del turismo” sono aggiunte le seguenti: “o dagli altri soggetti di cui al comma 2, lettere a), c) e d), del presente articolo”;  

   d) dopo il comma 3 e’ aggiunto il seguente:

     “3-bis. Fermo restando il protocollo d’intesa, firmato il 21 dicembre 2016, tra il Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione, il Ministero dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo e il presidente della Conferenza episcopale italiana (CEI), gli interventi di competenza delle Diocesi, di cui al comma 1, lettera e), di importo non superiore a 500.000 euro per singolo intervento, ai fini della selezione dell’impresa esecutrice, seguono le procedure previste per la ricostruzione privata dal comma 13 dell’art. 6 del presente decreto. Con ordinanza commissariale ai sensi dell’art. 2, comma 2, sentiti il presidente della CEI e il Ministro dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo, sono stabiliti le modalita’ di attuazione del presente comma, dirette ad assicurare   il   controllo,   l’economicita’   e   la   trasparenza nell’utilizzo delle risorse pubbliche, nonche’ le priorita’ di intervento e il metodo di calcolo del costo del progetto. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, e’ istituito un tavolo tecnico presso la struttura commissariale per definire le procedure adeguate   alla   natura giuridica delle Diocesi ai fini della realizzazione delle opere di cui al comma 1, lettera e), di importo superiore a 500.000 euro e inferiore alla soglia di rilevanza europea di cui all’art. 35 del codice di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50”.  

Art. 012

Disposizioni in materia di semplificazione   dei   lavori   della

Conferenza permanente

1. Al comma 1 dell’art. 16 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, dopo le parole: “Ente parco” sono inserite le seguenti: “o, in assenza di quest’ultimo, di altra area naturale protetta”.

Art. 013

Disposizioni in materia

di centrali uniche di committenza

1. All’art. 18 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n.   189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1, dopo le parole: “si avvalgono” e’ inserita la seguente: “anche”;  

b) al comma 2, lettera a), sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “, nonche’ nelle stazioni uniche appaltanti e centrali di committenza locali costituite nelle predette Regioni ai sensi della vigente normativa”;  

c) dopo il comma 5 e’ inserito il seguente:

     “5-bis. Spettano in ogni caso ai Presidenti di Regione – Vicecommissari, anche al fine del monitoraggio della ricostruzione pubblica e privata in coerenza con il decreto legislativo 29 dicembre 2011, n. 229, e per l’effettuazione dei controlli di cui all’art. 32 del presente decreto, le funzioni di coordinamento delle attivita’:

a) dei soggetti attuatori previsti dall’art. 15, commi 1, lettera a), e 2, del presente decreto;

b) dei soggetti aggregatori, delle stazioni uniche appaltanti e delle centrali di committenza locali previsti dalla lettera a) del comma 2 del presente articolo”.  

Art. 014

Disposizioni in materia di materiali da scavo

1. All’art. 28, comma 13-ter, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, le parole: “diciotto mesi” sono sostituite dalle seguenti: “trenta mesi”.  

Art. 015

Proroga dei mutui dei comuni e dell’indennita’

di funzione a favore dei sindaci

1. All’art. 44 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n.   189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1, l’ultimo periodo e’ sostituito dal seguente: “Relativamente ai mutui di cui al primo periodo del presente comma, il pagamento delle rate in   scadenza   nell’esercizio   2018   e nell’esercizio 2019 e’ altresi’ differito, senza applicazione di sanzioni e interessi, rispettivamente al primo e al secondo anno immediatamente successivi alla data di scadenza del periodo di ammortamento, sulla base della periodicita’ di pagamento prevista nei provvedimenti e nei contratti regolanti i mutui stessi”;  

b) al comma 2-bis, primo periodo, le parole: “per la durata di due anni” sono sostituite dalle seguenti:  “per la durata di tre anni”».

2. Agli oneri derivanti dal comma 1, lettera a), pari a 3,9 milioni di euro annui per ciascuno degli anni 2019 e 2020, si provvede a valere sulle risorse della contabilita’ speciale di cui all’art. 4, comma 3, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, che a tal fine sono versate dal Commissario straordinario, entro il 30 giugno di ciascuno degli anni 2019 e 2020, all’entrata del bilancio dello Stato».

Avvertenza:

Il testo coordinato qui pubblicato e’ stato redatto dal Ministero della giustizia ai sensi dell’art. 11, comma 1, del testo unico delle disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica e sulle   pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 1985, n. 1092, nonche’ dell’art. 10, commi 2 e 3, del medesimo testo unico, al solo fine di facilitare la lettura sia delle disposizioni del decreto-legge, integrate con le modifiche apportate dalla legge di conversione, che di quelle modificate o richiamate nel decreto, trascritte nelle note. Restano invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi qui riportati.

A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri), le modifiche apportate dalla legge di conversione hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua pubblicazione.

 

Art. 1

Proroga e sospensione termini in relazione ad   adempimenti   e

versamenti tributari e contributivi, sospensione pagamento canone

RAI

1. All’art. 48 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n.   189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, sono apportate le seguenti modificazioni:

   a) al comma 11:

     1) al primo periodo, le parole: «dai commi 1-bis, 10 e 10-bis, avviene entro il 16 dicembre 2017 senza applicazione di sanzioni e interessi e, per i soggetti diversi da quelli indicati dall’art. 11, comma 3, del decreto-legge 9 febbraio 2017, n. 8, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 aprile 2017, n. 45 entro il 31 maggio 2018.» sono sostituite dalle seguenti: «dai commi 10 e 10-bis, avviene entro il 16 dicembre 2017 senza applicazione di sanzioni e interessi.»;

     2) il secondo periodo e’ sostituito dal seguente: «I soggetti diversi da quelli indicati dall’art. 11, comma 3, del decreto-legge 9 febbraio 2017, n. 8, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 aprile 2017, n. 45,   versano le somme oggetto di sospensione previste dal decreto ministeriale 1º settembre 2016 e dai commi 1-bis, 10 e 10-bis, senza applicazione di sanzioni e interessi, entro il 16 gennaio 2019, ovvero, mediante rateizzazione fino a un massimo di 60 rate mensili di pari importo, a decorrere dal 16 gennaio 2019 ; su richiesta del lavoratore dipendente subordinato o assimilato, la ritenuta puo’ essere operata anche dal sostituto d’imposta, »;  

     3) e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: «L’insufficiente, tardivo o omesso pagamento di una o piu’ rate ovvero dell’unica rata comporta l’iscrizione a ruolo degli importi scaduti e non versati nonche’ delle relative sanzioni e interessi e la cartella e’ notificata, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di scadenza dell’unica rata o del periodo di rateazione. L’iscrizione a ruolo non e’ eseguita se il contribuente si avvale del ravvedimento di cui all’art. 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.»;

   a-bis) al comma 11-bis, il primo periodo e’ soppresso;  

   b) al comma 13, terzo periodo, le parole “entro il 31 maggio 2018” sono sostituite dalle seguenti: “entro il 31 gennaio 2019”   e le parole: «fino ad un massimo di 24 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2018» sono sostituite dalle seguenti: «fino a un massimo di sessanta rate mensili di pari importo, a decorrere dal mese di gennaio 2019; su richiesta del lavoratore dipendente subordinato o assimilato, la ritenuta puo’ essere operata anche dal sostituto d’imposta».  

«b-bis) al comma 16, al primo periodo, le parole: “entro il 30 giugno 2017” sono sostituite dalle seguenti: “entro il 31 dicembre 2018” e, al terzo periodo, le parole: “entro il 30 giugno 2017” sono sostituite dalle seguenti: “entro il 31 dicembre 2018″».  

2. All’art. 11, comma 2, del decreto-legge 9 febbraio 2017, n. 8, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 aprile 2017, n. 45, le parole: «dal 1° giugno 2018» sono sostituite dalle seguenti: «dal 1° gennaio 2019».

3. Nei territori dei comuni di cui agli allegati 1, 2 e 2-bis del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, il pagamento del canone di abbonamento alle radioaudizioni di cui al regio decreto-legge 21 febbraio 1938, n. 246, convertito dalla legge 4 giugno 1938, n. 880, e’ sospeso fino al 31 dicembre 2020. Il versamento delle somme oggetto di sospensione, ai sensi del precedente periodo, avviene, senza applicazione di sanzioni e interessi, in unica rata o   mediante rateizzazione fino a un massimo di ventiquattro rate mensili di pari importo, a decorrere dal 1° gennaio 2021. L’insufficiente, tardivo o omesso pagamento di una o piu’ rate ovvero dell’unica rata, comporta l’iscrizione a ruolo degli importi scaduti e non versati nonche’ delle relative sanzioni e interessi e la cartella e’ notificata, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di scadenza dell’unica rata o del periodo di rateazione.

L’iscrizione a ruolo non e’ eseguita se il contribuente si avvale del ravvedimento di cui all’art. 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472.

4. La ripresa dei versamenti del canone di abbonamento alla televisione ad uso privato di cui all’art. 1, comma 153, lettera c), della legge 28 dicembre 2015, n. 208, e’ effettuata secondo le modalita’ di cui al comma 3.

5. Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, sono disciplinate le modalita’ di rimborso delle somme gia’ versate a titolo di canone di abbonamento alle radioaudizioni di cui al regio decreto-legge 21 febbraio 1938, n. 246, convertito dalla legge 4 giugno 1938, n. 880, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e la data di entrata in vigore della presente disposizione. Con riguardo alle somme rimborsate ai sensi del primo periodo non sono dovuti interessi.

6. All’art. 2-bis, comma 24, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2017, n. 172, le parole: «e’ differita alla data del 31 maggio 2018» sono sostituite dalle seguenti: «e’ differita alla data del 1º gennaio 2019».

6-bis. Al comma 25 dell’art. 2-bis del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2017, n. 172, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Con i provvedimenti di cui al precedente periodo sono previste esenzioni, fino alla data del 31 dicembre 2020, in favore delle utenze localizzate in una ‘zona rossa’ istituita mediante apposita ordinanza sindacale nel periodo compreso tra il 24 agosto 2016 e la data di entrata in vigore della presente disposizione, individuando anche le modalita’ per la copertura delle esenzioni   stesse   attraverso specifiche componenti tariffarie, facendo ricorso, ove opportuno, a strumenti di tipo perequativo”.

6-ter. I comuni di cui agli allegati 1, 2 e 2-bis del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, a partire dal 24 agosto 2016 e fino a dodici mesi successivi alla cessazione dello stato di emergenza, possono derogare agli obblighi di cui al comma 1 dell’art. 205 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. Al fine di stabilire la percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani da destinare al riciclo, ogni comune, ai sensi del comma 1-bis, lettera c), del medesimo art. 205, puo’ stipulare un accordo di programma con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e la Regione interessata.

6-quater. Per l’anno 2019, in deroga agli articoli 4 e 22, comma 1, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148, entro il limite massimo di spesa complessivo di 10 milioni di euro per il medesimo anno 2019, per imprese con organico superiore a   400   unita’ lavorative, ubicate nei comuni   di   cui   all’allegato   1   del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, e contestualmente in un’area di crisi industriale complessa, che presentino processi di riassetto produttivo con connesse problematiche occupazionali, previo accordo stipulato in   sede   governativa,   e’   concesso   un   intervento straordinario   di   integrazione   salariale,   con   causale   di riorganizzazione aziendale, sino al limite massimo di sei mesi. L’intervento straordinario di integrazione salariale e’ subordinato all’erogazione da parte della Regione interessata di misure di politica attiva finalizzata al reimpiego dei lavoratori sospesi.  

7. Il Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all’art. 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, e’ incrementato di 3,9 milioni di euro per l’anno 2020, di 58,1 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022 e di 47,3 milioni di euro per l’anno 2023.

8. All’onere derivante dall’attuazione dell’art. 1, commi 1, lettere a) e b), 2, 3, 4, 5, e 7, complessivamente pari a 91,02 milioni di euro per l’anno 2018, a 78,1 milioni di euro per l’anno 2019, a 12,08 milioni di euro per l’anno 2020, 58,1 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022 e di 47,3 milioni di euro per l’anno 2023, si provvede:

   a) quanto a 40 milioni di euro per l’anno 2018 e a 43,1 milioni di euro per l’anno 2019, mediante corrispondente riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all’art. 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307;

   b) quanto a 24 milioni di euro per l’anno 2018 e a 15 milioni di euro per l’anno 2019, mediante corrispondente riduzione del Fondo di cui all’art. 1, comma 200, della legge 23 dicembre 2014, n. 190;

   c) quanto a 27,02 milioni   di euro per l’anno 2018, a 10 milioni di euro per l’anno 2019 e a 8,18 milioni di euro per l’anno 2020, mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2018-2020, nell’ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2018, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero del lavoro e delle politiche sociali per 7 milioni di euro per l’anno 2018 e 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020, l’accantonamento relativo al Ministero dello sviluppo economico per euro 1 milione per l’anno 2018, l’accantonamento relativo   al Ministero   interno   per   euro   1   milione   per   l’anno   2018, l’accantonamento relativo al Ministero dell’ambiente per euro 1 milione per l’anno 2018, l’accantonamento relativo al Ministero dell’economia e delle finanze per euro 7,02 milioni per l’anno 2018 e l’accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale per euro 10 milioni per l’anno 2018 e 5 milioni di euro per l’anno 2019 e 3,18 milioni di euro per l’anno 2020;  

   d) quanto a 10 milioni di euro per l’anno 2019, a 3,9 milioni di euro per l’anno 2020, a 58,1 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022 e a 47,3 milioni di euro   per l’anno 2023, mediante le maggiori entrate e le minori spese di cui all’art. 1, commi 1, lettere a) e b), e commi 2, 3, 4, 5.

«8-bis. Ai maggiori oneri di cui al comma 6-quater, pari a 10 milioni di euro per l’anno 2019, si provvede a carico del Fondo sociale per occupazione e formazione di cui all’art. 18, comma 1, lettera a), del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2».  

9. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad apportare con propri decreti le occorrenti variazioni di bilancio.

Art. 1-bis

Proroga della sospensione dei mutui

1. All’art. 14, comma 6, del decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 19, sono apportate le seguenti modificazioni:

   a) al primo periodo, le parole: “31 dicembre 2018”   sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2020”;

   b) al secondo periodo, le parole: “31 dicembre 2020” sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2021”.

2. All’art. 2-bis, comma 22, terzo periodo, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2017, n. 172, sono apportate le seguenti modificazioni:

   a) le parole: “31 dicembre 2018” sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2020”;

   b) le parole: “31 dicembre 2020” sono sostituite dalle seguenti: “31 dicembre 2021”.  

Art. 1-ter

Prosecuzione delle misure di sostegno al reddito

1. All’art. 12, comma 1, del decreto-legge 9 febbraio 2017, n. 8, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 aprile 2017, n. 45, dopo le parole: “nel 2017” sono inserite le seguenti: “e nel 2018”.  

Art. 1-quater

Prosecuzione delle misure di sostegno al reddito

1. In deroga alle norme che disciplinano le distanze dal confine stradale fuori dai centri abitati, e’ consentita la demolizione e ricostruzione degli immobili danneggiati o distrutti dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, anche all’interno della fascia di rispetto stradale, a condizione che la ricostruzione non crei pregiudizio per la sicurezza stradale e sia comunque rispettata la distanza minima dalla strada non inferiore a quella esistente. La deroga e’ rilasciata in sede di conferenza di servizi dall’ente proprietario della strada.  

Art. 1-quinquies

Linee guida per gli adempimenti

connessi alla ricostruzione

1. Al fine di assicurare la corretta e omogenea attuazione della normativa relativa agli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, con particolare riferimento alla decretazione d’urgenza e alle ordinanze del Commissario straordinario e del Capo del Dipartimento della protezione civile, nonche’ di fornire indicazioni utili per l’interpretazione e il coordinamento della   medesima normativa, il Commissario straordinario del Governo, ai fini della ricostruzione nei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, entro quarantacinque giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, provvede, sentiti il Capo del Dipartimento della protezione civile, i soggetti attuatori di cui all’art. 15 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, e il Ministero dell’economia e delle finanze per gli aspetti finanziari, alla predisposizione e alla successiva pubblicazione, nel proprio sito internet istituzionale, di linee guida contenenti l’indicazione delle procedure e degli adempimenti connessi agli interventi di ricostruzione.

2. Le linee guida di cui al comma 1 sono aggiornate periodicamente, con frequenza almeno trimestrale, in rapporto allo   stato   di aggiornamento dei provvedimenti adottati. All’attuazione del presente articolo si provvede nell’ambito delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.  

Art. 1-sexies

Disciplina relativa alle lievi difformita’ edilizie e alle pratiche

pendenti ai fini dell’accelerazione dell’attivita’ di ricostruzione

o di riparazione degli edifici privati

1. In caso di interventi edilizi sugli edifici privati nei comuni di cui agli allegati 1, 2 e 2-bis del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, realizzati prima degli eventi sismici del 24 agosto 2016 in assenza di segnalazione certificata di inizio attivita’ nelle ipotesi di cui all’art. 22, comma 1, lettera a), del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, o in difformita’ da essa, il proprietario dell’immobile, pur se diverso dal responsabile dell’abuso, puo’ presentare, contestualmente alla domanda di contributo, segnalazione certificata di inizio attivita’ in sanatoria, in deroga alle previsioni di cui all’art. 37, comma 4, nonche’ all’art. 93 del citato decreto del   Presidente   della Repubblica n. 380 del 2001, avendo riguardo a quanto rappresentato nel progetto di riparazione o ricostruzione dell’immobile danneggiato e alla disciplina vigente al momento della presentazione   del progetto, previa acquisizione dell’autorizzazione sismica rilasciata dal competente ufficio tecnico della Regione. E’ fatto, in ogni caso, salvo il pagamento della sanzione di cui al predetto art. 37, comma 4, il cui importo non puo’ essere superiore a 5.164 euro e inferiore a 516 euro, in misura determinata dal responsabile del procedimento comunale in relazione all’aumento di valore dell’immobile valutato per differenza tra il valore dello stato realizzato e quello precedente l’abuso, calcolato in base alla procedura di cui al regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 19 aprile 1994, n. 701.

2. Ai fini dell’applicazione del comma 1, la percentuale di cui al comma 2-ter dell’art. 34 del citato decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001 e’ elevata al 5 per cento.

3. Nei casi di cui al comma 1, il tecnico incaricato redige la valutazione della sicurezza in base alle vigenti norme tecniche per le costruzioni emanate ai sensi dell’art. 52 del decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, nell’ambito del progetto strutturale relativo alla domanda   di   contributo,   accertando, altresi’, con apposita relazione asseverata che le difformita’ strutturali non abbiano causato in via esclusiva il danneggiamento dell’edificio. E’ fatto salvo il rilascio dell’autorizzazione di cui all’art. 94 del decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001 che costituisce provvedimento conclusivo   al   fine   della risoluzione della difformita’ strutturale   e,   unitamente   alla segnalazione certificata di inizio attivita’ in sanatoria, causa estintiva del reato oggetto di contestazione.

4. Per gli interventi edilizi di cui al comma 1 e’ possibile richiedere l’autorizzazione paesaggistica ai sensi dell’art. 146 del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2014, n. 42, o dell’art. 3 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31, nei seguenti casi: a) per le opere realizzate su immobili che al momento dell’esecuzione delle opere medesime non erano sottoposti a vincolo paesaggistico; b) per le opere realizzate in data antecedente a quella di entrata in vigore del decreto legislativo 24 marzo 2006, n. 157, anche se eseguite su immobili gia’ sottoposti a vincolo paesaggistico. Resta ferma, in ogni caso, la verifica di compatibilita’ dell’intervento con le norme di settore in materia di tutela dal rischio idrogeologico.

5. Ai fini di cui al comma 4, gli incrementi di volume derivanti da minimi scostamenti dimensionali, nella misura massima del 2 per cento per ogni dimensione rispetto al progetto originario, riconducibili a carenza di rappresentazione dei medesimi progetti originari, alle tecnologie di costruzione dell’epoca dei manufatti e alle tolleranze delle misure, purche’ tali interventi siano eseguiti nel rispetto delle   caratteristiche   architettoniche,   morfo-tipologiche,   dei materiali e delle finiture   esistenti,   non   sono   considerati difformita’ che necessitino di sanatoria paesaggistica.

6. Al fine di accelerare l’attivita’ di ricostruzione o di riparazione degli edifici privati ubicati nei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria danneggiati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, in presenza di domande di sanatoria edilizia, formulate ai sensi della legge 28 febbraio 1985, n. 47, dell’art. 39 della legge 23 dicembre 1994, n. 724, o dell’art. 32 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, non definite alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, la certificazione di idoneita’ sismica,   ove richiesta per l’adozione del provvedimento di concessione o di autorizzazione in sanatoria e dell’agibilita’, e’ sostituita da perizia del tecnico incaricato del progetto di adeguamento   e miglioramento sismico, che redige certificato di idoneita’ statica secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dei lavori pubblici 15 maggio 1985, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 135 del 10 giugno 1985, effettuando le verifiche in esso   previste,   con particolare riferimento a quelle opportune relative ai materiali. Il certificato di idoneita’ statica attesta il rispetto di quanto previsto dal suddetto decreto ministeriale 15 maggio 1985. Nel caso in cui non risulti possibile la redazione del certificato di idoneita’ statica ai sensi del decreto ministeriale 15 maggio 1985, il tecnico incaricato indica gli interventi necessari che avrebbero consentito la redazione del certificato di   idoneita’   statica valutandone i costi. In tal caso, l’autorizzazione statica o sismica e’ rilasciata dalla Conferenza regionale di cui al comma 4 dell’art. 16 del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229.

7. Ai fini del rilascio dell’autorizzazione prevista dal comma 6, qualora il progetto di riparazione o ricostruzione dell’edificio danneggiato conduca ad un risultato architettonico e strutturale diverso da quello oggetto della domanda di sanatoria, il progetto deve essere corredato di una relazione asseverata del professionista incaricato attestante che le caratteristiche costruttive   degli interventi relativi agli abusi sanati non siano state causa esclusiva del danno.

8. Le disposizioni di cui ai commi 6 e 7 si applicano con riferimento ai soli interventi di ricostruzione o riparazione degli immobili distrutti o danneggiati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016.  

Art. 1-septies

Disposizioni in materia di recupero

di aiuti dichiarati illegittimi

1. I dati relativi all’ammontare dei danni subiti per effetto degli eventi sismici verificatisi nella Regione Abruzzo a partire dal 6 aprile 2009 e le eventuali osservazioni relative   alle   somme effettivamente percepite devono essere presentati, a   pena   di decadenza, entro centottanta giorni dalla comunicazione di avvio del procedimento di recupero ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 novembre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 57 del 9 marzo 2018».  

Art. 2

Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sara’ presentato alle Camere per la conversione in legge.

 

 

 

 

 

Esplora ultimi contenuti

Ordinanza 29 dicembre 2020 della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile recante “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile conseguenti agli eventi sismici che hanno colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo a partire dal giorno 24 agosto 2016.” (Ordinanza n. 729/2020).

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE   ORDINANZA 29 dicembre 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione  civile  conseguenti  agli

Leggi tutto »

Testo del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, (in Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 269 del 28 ottobre 2020), coordinato con la legge di conversione 18 dicembre 2020, n. 176 (in questo stesso Supplemento Ordinario), recante: «Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.».

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 28 ottobre 2020, n. 137 Testo del  decreto-legge  28  ottobre  2020,  n.  137,  (in  Gazzetta Ufficiale – Serie

Leggi tutto »

Ordinanza 18 agosto 2020 della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile recante “Ulteriori interventi urgenti di protezione  civile  conseguenti  agli eventi sismici che hanno colpito il territorio delle  Regioni  Lazio, Marche, Umbria e  Abruzzo  a  partire  dal  giorno  24  agosto  2016.” (Ordinanza n. 697)

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE   ORDINANZA 18 agosto 2020  Ulteriori interventi urgenti di protezione  civile  conseguenti  agli

Leggi tutto »

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.