Studio Legale
Rossignoli e Associati

Ordinanza 30 giugno 2022 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Il Commissario Straordinario del Governo ai fini della ricostruzione nei territori interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016 recante “Approvazione degli schemi di convenzione con le universita’ e del finanziamento degli interventi del Piano complementare nei territori colpiti dal sisma 2009-2016, sub-misura B4 «Centri di ricerca per l’innovazione», linea di intervento n. 1 «Contributo per la realizzazione e/o implementazione di quattro centri di ricerca e trasferimento tecnologico», ai sensi dell’articolo 14-bis del decreto-legge 31 maggio 2021, n. 77, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 luglio 2021, n. 108.” (Ordinanza n. 33).

(pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 223 del 23 settembre 2022)

Il Commissario straordinario del Governo ai fini della ricostruzione nei territori interessati dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016

Visto il regolamento (UE) 12 febbraio 2021, n. 2021/241, che istituisce il dispositivo per la ripresa e la resilienza;
Visto il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) approvato con decisione del Consiglio ECOFIN del 13 luglio 2021 e notificata all’Italia dal Segretariato generale del Consiglio con nota LT161/21, del 14 luglio 2021;
Visto il regolamento (UE) 2018/1046 del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell’Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, n. 1301/2013, n. 1303/2013, n. 1304/2013, n. 1309/2013, n. 1316/2013, n. 223/2014, n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012;
Visto il decreto-legge 6 maggio 2021, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° luglio 2021, n. 101, recante «Misure urgenti relative al Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa e resilienza e altre misure urgenti per gli investimenti» ed in particolare l’art. 1, secondo comma, lettera b), che prevede che «Le risorse nazionali degli interventi del Piano nazionale per gli investimenti complementari di cui al comma 1 sono ripartite come segue: quanto a complessivi 1.780 milioni di euro per gli anni dal 2021 al 2026 da iscrivere, per gli importi e le annualita’ sopra indicati, nei pertinenti capitoli dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze riferiti al seguente programma: 1. Interventi per le aree del terremoto del 2009 e del 2016: 220 milioni di euro per l’anno 2021, 720 milioni di euro per l’anno 2022, 320 milioni di euro per l’anno 2023, 280 milioni di euro per l’anno 2024, 160 milioni di euro per l’anno 2025 e 80 milioni di euro per l’anno 2026»;
Visto il decreto-legge del 31 maggio 2021, n. 77, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2021, n. 108, recante:
«Governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure», ed in particolare l’art. 14, intitolato «Estensione della disciplina del PNRR al Piano complementare» nonche’ l’art. 14-bis, recante «Governance degli interventi del Piano complementare nei territori interessati dagli eventi sismici del 2009 e del 2016»;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 15 luglio 2021, per quanto applicabile, con cui, in attuazione di quanto disposto dall’art. 1, comma 7, del decreto-legge 6 maggio 2021, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° luglio 2021, n. 101, si individuano gli obiettivi iniziali, intermedi e finali determinati per ciascun programma, intervento e progetto del Piano, nonche’ le relative modalita’ di monitoraggio;
Visto il decreto-legge 9 giugno 2021, n. 80, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2021, n. 113, recante: «Misure urgenti per il rafforzamento della capacita’ amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per l’efficienza della giustizia»;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 6 agosto 2021, relativo all’assegnazione delle risorse in favore di ciascuna amministrazione titolare degli interventi PNRR e corrispondenti milestone e target;
Visto l’art. 17, regolamento UE 2020/852, che definisce gli obiettivi ambientali, tra cui il principio di non arrecare un danno significativo (DNSH, «Do no significant harm»), e la comunicazione della Commissione UE 2021/C 58/01, recante «Orientamenti tecnici sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” a norma del regolamento sul dispositivo per la ripresa e la resilienza»;
Visti i principi trasversali previsti dal PNRR, quali, tra l’altro, il principio del contributo all’obiettivo climatico e digitale (c.d. tagging), il principio di parita’ di genere e l’obbligo di protezione e valorizzazione dei giovani;
Visti gli obblighi di assicurare il conseguimento di target e milestone e degli obiettivi finanziari stabiliti nel PNRR;
Considerato che la Cabina di coordinamento integrata, ai sensi dell’art. 14-bis, comma 2, del decreto-legge del 31 maggio 2021, n. 77, ha deliberato in data 30 settembre 2021, l’approvazione e la contestuale trasmissione al MEF dell’atto di «Individuazione e approvazione dei Programmi unitari di intervento, previsti dal Piano complementare, per i territori colpiti dal sisma del 2009 e del 2016 ai sensi dell’art. 1, comma 2, lettera b), del decreto-legge del 6 maggio 2021, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° luglio 2021, n. 101, e degli articoli 14 e 14-bis del decreto-legge 31 maggio 2021, n. 77, convertito con modifiche nella legge 28 luglio 2021, n. 108»;
Considerato che nella citata delibera e’ prevista la sub-misura del Piano complementare sisma B4 «Centri di ricerca per l’innovazione», la cui linea di intervento n. 1 e’ relativa al «Contributo per la realizzazione e/o implementazione di quattro centri di ricerca e trasferimento tecnologico»;
Considerato che per l’attuazione di tale linea di intervento, entro il termine del 31 dicembre 2021, previsto dall’allegato 1 del decreto del Ministero dell’economia e finanza del 15 luglio 2021, in attuazione dei commi 6 e 7, dell’art. 1, del decreto-legge 6 maggio 2021, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° luglio 2021, n. 101, si prevede che entro il quarto trimestre del 2021 per la macro misura B si proceda alla «Individuazione delle iniziative da parte della Cabina di coordinamento»;
Preso atto che nelle settimane successive alla delibera della Cabina di coordinamento del 30 settembre 2021, si e’ svolta una complessa e approfondita istruttoria ai fini della compiuta individuazione dei programmi e dei progetti, delle procedure di attuazione, nonche’ dei primi atti di affidamento in coerenza con il previsto milestone del 31 dicembre 2021;
Considerato altresi’ che, sulla base delle decisioni e delle indicazioni assunte dalla Cabina di coordinamento integrata tenutasi in data 24 novembre 2021, si e’ provveduto a definire i criteri di ripartizione delle risorse in considerazione degli equilibri territoriali e del danno sismico e ad approfondire le modalita’ di attuazione delle specifiche linee di intervento comprese nelle misure A e B del programma deliberato in data 30 settembre 2021;
Considerato che per la sub-misura B4, linea di intervento n. 1, a seguito di istruttoria e di intese, e’ stato elaborato un protocollo di intesa con le universita’ e gli enti di ricerca aventi sedi principale o decentrata nelle aree dei crateri sisma 2009 e sisma 2016, che ha definito gli interventi da porre in essere attraverso un’ampia e articolata analisi delle linee di ricerca e della relativa organizzazione sul modello «Hub and spoke»;
Ritenuto che nei territori interessati dagli eventi sismici e’ necessario rafforzare e valorizzare l’esteso patrimonio di competenze didattiche, tecnologiche e scientifiche, attestato su livelli di eccellenza anche internazionale, del sistema della ricerca pubblica per garantire lo sviluppo di ricerca di eccellenza, l’attrazione di ricercatori di talento da tutto il mondo e attivita’ di trasferimento tecnologici verso il sistema produttivo locale per determinare maggiore sviluppo e coesione sociale;
Dato atto che nel protocollo d’intesa e’ affermato che si conviene «sull’utilita’ di: a) procedere, per le attivita’ di ricerca che saranno avviate successivamente alla creazione dei quattro centri di ricerca previsti dalla presente intesa, i soggetti proponenti si impegnano a valutare modelli di collaborazione basati sulla logica “hub and spoke”, anche al fine di garantire la necessaria complementarieta’ e integrazione degli interventi da realizzare con le attuali specializzazioni; b) avviare un approfondimento sugli ambiti tematici di riflesso regionale e sulla ubicazione dei Centri di ricerca per l’innovazione; c) pervenire alla definizione delle traiettorie tecnologie e delle principali le linee di ricerca, coerenti con il Programma nazionale per la ricerca 2021-2027, oggetto dei finanziamenti a valere sui fondi PNC Sisma, valorizzando la complementarieta’ con quelle oggetto di proposta sulle risorse che saranno rese disponibili dal PNRR ovvero da altre forme di finanziamento europeo, nazionale e regionale, tra cui in particolare le iniziative sostenute dalla norma prevista dalla legge di bilancio 2021 relativa a “progetti per la promozione della ricerca, del trasferimento tecnologico e della formazione universitaria da finanziare nelle Regioni Lazio, Abruzzo, Umbria e Marche interessate dagli eventi sismici del 2016 a valere sulle risorse di cui all’art. 1, comma 194, della legge 30 dicembre 2020, n. 178″»;
Considerato che ai fini di cui sopra sono state tenute presenti le linee guida indicate dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 15 luglio 2021;
Preso atto delle intese espresse nelle Cabine di coordinamento del 15, del 21 e del 30 dicembre 2021 dal coordinatore della Struttura tecnica di missione sisma 2009 consigliere Carlo Presenti e dai Presidenti delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria;
Considerato che con l’ordinanza n. 12 del 30 dicembre 2021, e’ stato approvato il protocollo d’intesa sottoscritto tra i soggetti attuatori, Commissario straordinario sisma 2016 e Presidenza del Consiglio dei ministri – Struttura di missione sisma 2009, e le universita’ e gli enti di ricerca indicati, aventi sedi principale o decentrata nelle aree dei crateri sisma 2009 e sisma 2016, le cui premesse integralmente si richiamano, con i relativi allegati progettuali e che, in particolare, all’art. 1, comma 3, della predetta ordinanza e’ stata prevista l’istituzione di quattro centri di ricerca, articolati per hub e spoke;
Considerato inoltre che l’art. 2, comma 2, della citata ordinanza n. 12/2021, prevede che i progetti dei centri di ricerca dovranno essere presentati entro il termine previsto dall’art. 3 del protocollo di intesa per essere sottoposti, per quanto di competenza, all’approvazione dei soggetti attuatori, previa acquisizione del parere del Ministero dell’universita’ e della ricerca, ai sensi dell’art. 16, primo, secondo e sesto comma, della legge 7 agosto 1990, n. 241;
Considerato che nel corso della riunione del Comitato di indirizzo del 27 giugno 2022, al quale hanno preso parte il Commissario straordinario, il coordinatore della Struttura di missione, i rettori e rappresentanti delle universita’ e degli enti di ricerca, si e’ convenuto di integrare i progetti dei Centri di ricerca ed alta formazione con ulteriori attivita’ di ricerca finalizzate allo sviluppo di studi e ricerche coerenti con gli obiettivi delle ricostruzioni post sisma, nonche’ alle finalita’ del Piano nazionale complementare al PNRR, con particolare riferimento ai temi della sicurezza sismica degli edifici, di una piu’ efficace gestione delle macerie da demolizione e del loro riuso, alla digitalizzazione dei beni artistici e culturali e alla sostenibilita’ dello sviluppo dei territori interessati; a tal fine si e’ altresi’ convenuto di incrementare di euro 2 milioni il finanziamento previsto dall’ordinanza n. 12/2021, la cui destinazione sara’ piu’ dettagliatamente disciplinata nell’ambito delle convenzioni di cui ai punti seguenti; a tale incremento si intende provvedere mediante corrispondente riduzione delle risorse relative alla linea di intervento B1.3b, in particolare la destinazione relativa ai voucher per l’innovazione;
Dato atto che l’art. 3, punto 2, del protocollo di intesa prevede che «entro il 30 giugno, chiusa la fase di confronto e riscontrata la coerenza del progetto definitivo con gli obiettivi di cui all’art. 2 e agli allegati, si procedera’ alla sottoscrizione dell’atto convenzionale di attribuzione delle risorse, separatamente per ciascun centro di ricerca, effettuata ai sensi e per gli effetti dell’ordinanza che sara’ emanata dal Commissario straordinario, che disciplinera’ le modalita’ di erogazione e di rendicontazione dei contributi concessi»;
Preso atto che, d’intesa tra le universita’ e i soggetti attuatori, nell’ambito della riunione del 27 giugno del citato Comitato di indirizzo, si e’ ritenuto piu’ opportuno procedere all’attribuzione delle risorse sulla base dei progetti di ricerca condivisi per l’istituzione e lo sviluppo di ciascun centro di ricerca, provvedendo entro il 30 settembre 2022 alla stipula delle convenzioni recanti la disciplina delle governance dei centri di ricerca nonche’ le modalita’ di trasferimento e rendicontazione delle risorse attribuite a ciascun Centro di ricerca ed alta formazione;
Dato atto che in data 29 e 30 giugno 2022, sono stati approvati e trasmessi ai soggetti attuatori i progetti sottoscritti dalle universita’ ed enti di ricerca aderenti, acquisiti al protocollo della Struttura commissariale sisma 2016 e allegati alla presente ordinanza;
Visti i CUP acquisiti dai soggetti responsabili degli interventi: Universita’ di Camerino CUP J17G22000110001; Sapienza Universita’ di Roma, Universita’ della Tuscia, Parco scientifico e tecnologico dell’Alto Lazio CUP J83C22000970001; Universita’ degli studi di Perugia CUP J37G22000140001; Universita’ degli studi di Teramo CUP C43C21000150001;
Preso atto delle intese espresse nella Cabina di coordinamento del 30 giugno 2022 dal coordinatore della Struttura tecnica di missione sisma 2009 consigliere Carlo Presenti e dai Presidenti delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria;

 

Dispone:

Art. 1

Oggetto

 

1. La presente ordinanza approva i progetti sottoscritti dalle universita’ ed enti di ricerca ai fini dell’attuazione della sub-misura B4 «Centri di ricerca per l’innovazione», linea di intervento n. 1 «Contributo per la realizzazione e/o implementazione di quattro centri di ricerca e trasferimento tecnologico» del «Programma unitario di interventi per le aree del terremoto del 2009 e 2016», come individuati con l’ordinanza n. 12 del 30 dicembre 2021, allegati alla presente ordinanza (allegati 1, 2, 3 e 4), che risultano coerenti con le finalita’ della linea di intervento in oggetto, e dispone in merito all’attribuzione delle risorse per ciascun centro di ricerca.

Art. 2

Finanziamento

 

1. Le risorse attribuite al finanziamento di ciascuno dei quattro centri di ricerca sono le seguenti:
a) Centro di ricerca per l’innovazione sull’economia circolare e sulla salute, con sede principale a Rieti: euro 14,250 milioni;
b) Centro di ricerca per l’innovazione, digitalizzazione, valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale e ambientale, con sede principale a Spoleto: euro 14,5 milioni;
c) Centro di ricerca sulle scienze e tecniche della ricostruzione fisica, economica e sociale, con sede principale a Camerino: euro 18,250 milioni;
d) Centro di ricerca per l’innovazione nel settore agroalimentare – completamento del «Centro europeo Agri-BioSERV», con sede principale a Teramo: euro 13 milioni.
2. Con la sottoscrizione delle convenzioni di cui al successivo art. 3 saranno attribuite le ulteriori risorse di euro 2 milioni per le finalita’ indicate in premessa, connesse ai processi di ricostruzione in corso.

Art. 3

Misure di attuazione

 

1. Entro il 30 settembre 2022, sono sottoscritte le convenzioni tra i soggetti individuati quali capofila per ciascun centro di ricerca e i soggetti attuatori. Le convenzioni, in particolare:
a) danno conto della forma giuridica e organizzativa assunta dai centri di ricerca, nel rispetto dell’autonomia universitaria;
b) definiscono le modalita’ di trasferimento e di rendicontazione delle risorse pubbliche attribuite, garantendo la partecipazione ad esse di tutte le universita’ e gli enti aderenti ai centri di ricerca;
c) definiscono altresi’ il cronoprogramma delle attivita’ evidenziando gli adempimenti relativi agli interventi nonche’ le procedure ad evidenza pubblica necessarie per la loro realizzazione.
2. Ai fini dell’attuazione della presente ordinanza, le universita’ provvederanno ad applicare le misure di semplificazione previste dall’art. 3 dell’ordinanza n. 12/2021, nel rispetto dei principi stabiliti dal decreto MEF 15 luglio 2021.

Art. 4

Efficacia

 

1. In considerazione della necessita’ di dare impulso alle attivita’ connesse all’attuazione degli interventi unitari del Fondo complementare del PNRR, la presente ordinanza e’ dichiarata provvisoriamente efficace ai sensi dell’art. 33, comma 1, quarto periodo, del decreto-legge n. 189 del 2016. La stessa entra in vigore dal giorno successivo alla sua pubblicazione sul sito del Commissario straordinario del Governo ai fini della ricostruzione nei territori dei comuni delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria interessati dall’evento sismico a far data dal 24 agosto 2016:
www.sisma2016.gov.it
2. La presente ordinanza e’ trasmessa alla Corte dei conti per il controllo preventivo di legittimita’, e’ comunicata al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, ed e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale e sul sito istituzionale del Commissario straordinario del Governo ai fini della ricostruzione nei territori dei comuni delle Regioni di Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria interessati dall’evento sismico a far data dal 24 agosto 2016, ai sensi dell’art. 12 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.
3. L’ordinanza sara’ altresi’ pubblicata sui siti istituzionali del Dipartimento Casa Italia e della Struttura tecnica di missione per il sisma 2009 della Presidenza del Consiglio dei ministri.
Roma, 30 giugno 2022

Il Commissario straordinario: Legnini

Registrato alla Corte dei conti il 5 agosto 2022
Ufficio di controllo sugli atti della Presidenza del Consiglio, del Ministero della giustizia e del Ministero degli affari esteri, reg. n. 2059

__________

Avvertenza:
Gli allegati alla presente ordinanza sono consultabili sul sito istituzionale del Commissario straordinario ricostruzione sisma 2016 al seguente indirizzo
https://sisma2016.gov.it/provvedimenti-fondo-pnrr-area-sisma/

Esplora ultimi contenuti

Delibera 22 novembre 2023 dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni recante “Regolamento concernente la disciplina relativa al rilascio dei titoli autorizzatori alla fornitura di servizi di media audiovisivi e radiofonici via satellite, su altri mezzi di comunicazione elettronica e a richiesta” (Delibera n. 295/23/CONS)

L’AUTORITÀ REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA RELATIVA AL RILASCIO DEI TITOLI AUTORIZZATORI ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI MEDIA AUDIOVISIVI E RADIOFONICI VIA SATELLITE,

Leggi tutto »

Comunicato del Ministero delle Imprese e del Made in Italy recante “Comunicato relativo al decreto 15 settembre 2023, riguardante l’ammissione alle agevolazioni del soggetto beneficiario con ID ZFUSC7 00883335, previste per la Zona franca urbana istituita nei comuni del Centro Italia colpiti dagli eventi sismici del 2016 e del 2017”

(pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 222 del 22 settembre 2023) Con decreto del direttore generale per gli incentivi alle imprese 15 settembre

Leggi tutto »

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici. Non vengono utilizzati cookie per attività di profilazione degli utenti, né sono impiegati altri strumenti attivi o passivi di tracciamento. Non è pertanto necessario acquisire il consenso dell’utente all’utilizzo dei suddetti cookie tecnici (delibera 10 giugno 2021 del Garante per la protezione dei dati personali in G.U. serie generale n. 163 del 9 luglio 2021). Per maggiori informazioni consulta la Cookie Policy. Per procedere nella navigazione all’interno del sito digita il tasto PROSEGUI.