Informativa D. Lgs. n. 28/2010

INFORMATIVA AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 4 MARZO 2010 N. 28 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI

Ai sensi del Decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28, lo Studio Legale Rossignoli e Associati informa di quanto segue:

A) della facoltà di avvalersi, per tentare la risoluzione stragiudiziale delle controversie civili e commerciali vertenti su diritti disponibili, del procedimento di mediazione previsto dal decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28 e successive modificazioni, ovvero del procedimento di conciliazione previsto dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n.179 (Istituzione di procedure di conciliazione e di arbitrato, sistema di indennizzo e fondo di garanzia per i risparmiatori e gli investitori in attuazione dell’art. 27, commi 1 e 2, della legge 28 dicembre 2005, n. 262 ovvero del procedimento istituito in attuazione dell’art. 128 bis del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, per le materie ivi regolate);

B) dell’obbligo di utilizzare, assistito dall’avvocato, il procedimento di mediazione previsto dal decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 e successive modificazioni in quanto condizione di procedibilità della domanda giudiziale, nel caso in cui la controversia in oggetto sia relativa a diritti disponibili in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari. Tale obbligo non si applica alle azioni previste dagli articoli 37, 140 e 140 bis del Codice del Consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n.206 e successive modificazioni;

C) della possibilità, qualora ne ricorrano le condizioni, di avvalersi del gratuito patrocinio a spese dello Stato per la gestione del procedimento nei casi in cui la mediazione è condizione di procedibilità della domanda ovvero è disposta dal giudice;

D) delle agevolazioni fiscali connesse all’utilizzo della procedura ed in particolare della possibilità di giovarsi di un credito d’imposta commisurato all’indennità che sarà corrisposta all’Organismo di mediazione, fino a concorrenza di euro 500,00 (cinquecento), in caso di successo della mediazione (credito ridotto della metà in caso di insuccesso della stessa); nonché del fatto che tutti gli atti, documenti e provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall’imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura e della circostanza che il verbale di accordo è esente dall’imposta di registro entro il limite di valore di euro 50.000,00 (cinquantamila) e che in caso di valore superiore l’imposta è dovuta solo per la parte eccedente.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.